Virtus San Paolo 3-2 Lucky Junior, il Pagellone del Bellugi

TABELLINO Virtus San Paolo 3-2 Lucky Junior

VIRTUS SAN PAOLO: MARTINI, DELLI SANTI, CHIARELLA, BONOMI, GAUDIO, LENSAR (DAL 46’ DI GIAMMARCO), TESTA (DAL 46’ FRAU), IIRITI, GALASSI, AGUIRRE, PINILLOS (DAL 77’ ROSAN). ALLENATORE: PATRIARCA.

LUCKY JUNIOR: CLEMENTE, FRAU, CAMMARATA, GATTO, CENCIONI, BELLUCCI (DAL 46’ CARLETTI), FABBER, NULLI (DAL 33’ ORSOLINI), TUZZI, ZEPPIERI (DAL 46’ D’ALESSIO), DI TOMMASO. ALLENATORE: LOMBARDI.

MARCATORI:  8’ IIRITI (R), 47’ DI TOMMASO (R), 70’ AGUIRRE (R), 76’ DI TOMMASO, 84’ ROSAN.

AMMONITI: IIRITI – FABBER, CENCIONI

ESPULSI: PATRIARCA.

Formazione

PAGELLONE Virtus San Paolo 3-2 Lucky Junior

CLEMENTE 7 – Stava pregustando un tranquillo week-end in famiglia ma si ritrova improvvisamente tra i pali. Non fa rimpiangere il padrone di casa Viola, giocando una grande partita di personalità, dando sicurezza al reparto già alla prima parata. Ha anche un ottimo piede che sfrutta molto bene sui rilanci da fondo campo andando a beccare chirurgicamente la testa di Di Tommaso e Fabber per la spizzata. Para il secondo calcio di rigore (sfortunato sulla ribattuta centrale) ma è straordinario nell’azione del 3-2 andando a parare il primo tiro a botta sicura di Galassi, che lo manda letteralmente a quel paese invece di esultare con i compagni. IDENTITA’ NASCOSTE

FRAU 6 – Buona partita la sua. Stavolta si riesce a vedere anche in avanti con un paio di ottime azioni personali che per poco non portano al gol. Macchia la prestazione con il ritardato rientro nell’azione di contropiede che porta al gol del 3-2 della Virtus, dove lascia colpevolmente solo il suo uomo sul secondo palo, che può insaccare di piatto alle spalle di Clemente. TE SI RIMAGNATO U VANGATO

CAMMARATA 6,5 – A chi lo additava di essere in crisi lui risponde sfoderando una prestazione di altissimo livello. Davanti a se ha un avversario complicato. Una montagna grande e grossa, dura da scalare. Dopo qualche minuto di adattamento si veste da alpino e con la piccozza scala la montagna grazie al suo gioco fatto di anticipi e uscite palla al piede. Sembra, inoltre, trovarsi a meraviglia con il compagno di reparto Gatto. Una coppia affidabile, veloce e molto tecnica… il capitano Rocca è avvertito! OKI-WAN KENOBY

GATTO 6.5 – Oltra alla fascia da capitano ritrova finalmente anche la convinzione in se stesso. Sembra essere tornato sui livelli che gli competono, quelli che lo hanno fatto diventare un punto fermo della squadra. Anche lui, come Cammarata, ci mette un po’ a carburare ma poi prende le misure e la difesa sembra reggere botta. Ha il piede caldo e le sue punizioni tagliate sono spesso dei coltelli affilati lanciati in area di rigore. Suo l’assist del 2-2 da calcio d’angolo per il compagno Di Tommaso. La macchia del presunto fallo da rigore del 2-1 non pregiudica in alcun modo la sua prestazione. IL RITORNO DEL RE

CENCIONI 6,5 – Le festività natalizie hanno dato alla Lucky un giocatore trasformato. Sulla fascia è un ira di Dio e ci mette una grinta pazzesca. Quando sembra non averne più, lo vedi che mette il turbo sfrecciando per l’ennesima volta sulla fascia come un treno. Un terzino sinistro così non si vedeva da tanto tempo! MERCE RARA

BELLUCCI 5,5 – Torna titolare dopo due mesi in un ruolo non proprio suo. Gli anni da terzino lo fanno giocare troppo schiacciato andando spesso a togliere campo alle incursioni di un Frau. Non sbaglia molto, tiene la posizione, ma è anche vero che gioca pochi palloni, rimanendo troppo lontano dal vivo del gioco. Di buono c’è l’assist nel finale di primo tempo per Zeppieri, nell’azione del rigore negato. IMPALPABILE

DAL 46’ CARLETTI 6 – I suoi sprint sulla fascia mettono in difficoltà la retroguardia della Virtus San Paolo che stenta non poco a tenere botta al trio Cencionio-Carletti-D’Alessio. Si impunta ogni tanto il azioni personali ma nel complesso ha giocato una buona gara anche se nel finale si è un po’ perso svanendo dal vivo del gioco. PEPERONCINO

FABBER 6 – Il suo gioco maschio ed irruento lo mette subito al centro dell’attenzione dell’arbitro e soprattutto degli avversari che, come possono, lo stuzzicano. Fa un grande lavoro di interdizione in mezzo al campo anche se stavolta la condizione fisica non lo aiuta e nel secondo tempo soffre tantissimo, ma stringe i denti e lotta fino all’ultimo secondo della partita. Suo il fallo di mano (involontario…) del primo rigore. SPREMUTO

NULLI 6 – Con l’assenza di Armeni è lui ad avere il volante della squadra. Ci mette tutto un tempo a prendere la patente di guida della Lucky ma nella ripresa, finalmente, dopo un primo tempo soporifero, il gioco passa perennemente dai suoi piedi e la squadra gira che è una meraviglia. Nel suo momento migliore viene, però, tolto dal campo. TUTTOCITTA’

DAL 33’ ORSOLINI 5,5 – I due mesi di assenza dal calcio giocato si fanno sentire tutti e non sembra avere il ritmo partita sulle gambe. Qualche giocata delle sue si è vista ma non è riuscito proprio a fare la differenza. Con la sosta avrà sicuramente tutto il tempo per tornare sui livelli che gli competono. PAR-TIME

TUZZI 7 – Nel primo tempo è l’unico che si rende pericoloso con due azioni personali concluse con tiri troppo centrali per impensierire il portiere della Virtus San Paolo. Nella ripresa mette la freccia e gioca una mezz’ora incredibile. Salta l’uomo con una facilità imbarazzante e copre tutta la fascia senza problemi. Nel finale di gara, però, a causa dei pochi allenamenti dell’ultimo periodo, cala vistosamente e scompare quasi dalla lotta. Ha dimostrato comunque una grande personalità e sembra essere tornato finalmente sui livelli di inizio stagione. DANNY MELLOW (col capello corto sei uguale!!)

ZEPPIERI 5,5 – La prima da titolare con la maglia numero 10 della sua amata Lucky non è proprio di quelle da ricordare. Rimane spesso fuori dal vivo gioco e comunque troppo poco convinto e fiacco nelle giocate. Nel finale del primo tempo è, però, il più lesto a crederci in una palla dentro di Bellucci, viene travolto dal portiere ma l’arbitro incredibilmente gli fischia fallo contro, incredibile. Esce con l’occhio gonfio e rosso per la pigna ricevuta… CRUSH TEST DUMMY

DAL 46’ D’ALESSIO 6 – Meglio del compagno perché con la sua velocità mette costantemente in apprensione i difensori della Virtus San Paolo che non sono proprio fulmini di guerra. Gli manca come sempre l’istinto del bomber e sotto porta non riesce mai ad essere incisivo. Ha una palla d’oro nei minuti di recupero del secondo tempo ma ci mette veramente troppo e viene rimontato dai due centrali. L’IMCOMPIUTO

DI TOMMASO 7,5 – Si procura e trasforma con freddezza il rigore del pareggio e schianta in rete di testa il pallone pennellato da calco d’angolo da un ispirato Gatto. I suoi gol stanno tenendo viva una Lucky si sfortunata, ma ancora convalescente. Il bomber si carica la squadra sulla spalle, combatte come un gladiatore ed è la vera arma in più di questo ultimo periodo. Dodici gol in sedici partite è tanta roba e non vengono per caso e se ci metti anche una condizione fisica straripante il traguardo dei venti è vicino! GONZALO HIGUAIN

MISTER LOMBARDI 6 – Sarà il periodo, sarà per colpa dell’innominato Voldemort (la grattata ce sta sempre…) ma la sua Lucky continua a giocare bene ma a raccogliere le briciole. La squadra mette in campo cuore e carattere, dimostrando di crederci sempre, di cercare con forza la vittoria. L’unico errore della partita, forse, il cambio affrettato di Nulli che in quel momento era il faro della squadra in mezzo al campo e che ha tolto fosforo al centrocampo.

FUORI DAL CAMPO 10 – Assolutamente straordinario il nostro tifo in trasferta che si è fatto sentire per tutta la gara. Sugli spalti c’erano il nostro Ingannamorte con la sua consueta truppa a supporto, il Clemente “sbagliato”, Alexandra, Chiara e Frau Senior (grazie per l’aiuto che ci hai dato con Guido!!). Avrò dimenticato sicuramente qualcuno ma grazie veramente, in campo aiuta molto sentire una voce “amica”. KEEP CALM AND SUPPORT LUCKY JUNIOR

Rispondi