Swamp Football, quando il calcio è sporco davvero

Sei contro sei nel fango, niente calci d’angolo o rimesse laterali: è lo“Swamp Football” , una sorta di “calcetto” nato in Finlandia come esercitazione per i soldati.

Nei campetti di terza categoria, di questo periodo, è molto facile imbattersi in acquitrini fangosi, dove, giocare al calcio è praticamente impossibile. Alla fine della partita ti trovi il fango infilato in ogni dove e già pensi alle parolacce che ti dirà tua madre o tua moglie quando dovrà lavare le tue cose. A parte tutto giocare nel fango ha un suo fascino, è come se si ritornasse un po’ tutti bambini. E forse proprio da questo spunto che un simpaticone finlandese ha pensato bene di far partire, nel 1998, il primo campionato al mondo di calcio nel fango: lo swamp football!

La Storia

Il calcio nel fango o “Swamp Football” è appunto una specie di calcetto che si gioca nelle paludi o in campi talmente fangosi da coprirti quasi fino alle ginocchia. Come detto questo sport nasce in Finlandia, dove veniva inizialmente utilizzato come attività di esercitazione per i soldati, dato che muoversi e correre nel fango è fisicamente molto impegnativo. Il primo campionato “ufficiale” è stato disputato nel 1998 da Jyrki Väänänen, che venne poi soprannominato “The Swamp Baron” ovvero “Barone Fango”.

La federazione

Lo “Swamp Soccer UK Ltd” è l’organo ufficiale di questo sport, ha sede in Scozia e si occupa di promuovere questa disciplina nel mondo. “Da piccoli abbiamo tutti amato giocare nel fango, con questa competizione gli adulti tornano bambini e si divertono un mondo” spiega il fondatore e presidente Stuart Miller. Negli ultimi anni la Swamp Soccer UK è riuscita a lanciare tornei ufficiali in Cina (Pechino), Turchia (Istanbul), in India (Mumbai) e addirittura a trovare qualche adepto nella patria del calcio, in Brasile. Attualmente nel mondo vengono riconosciute circa 260 squadre che praticano lo swamp football.

Le competizioni

Le due competizioni ufficiali organizzate dalla Swamp Soccer UK sono il “Campionato del Mondo”, che si svolge solitamente verso la metà del mese di giugno in Finlandia e la “Coppa del Mondo” che viene, invece, disputata successivamente in Scozia. L’edizione di quest’anno uscirà per la prima volta nella storia di questo sport dai confini due pesi nordici, ed avrà come palcoscenico i campi fangosi della Turchia, paese nel quale sta riscuotendo un discreto successo. Entrambe le competizioni prevedono tre categorie: maschile, femminile e mista.

Le regole dello Swamp Football

Le regole del calcio che tutti piò o meno conosciamo sono state modificate in modo tale da potersi adattare a questo sport:

  • Il gioco si svolge in due tempi da 12 minuti;
  • Calci d’angolo, rigori e rimesse laterali si battono facendo cadere dalle mani la palla su un piede scelta;
  • Non esiste fuorigioco;
  • Le squadre in campo sono composte da 6 giocatori ciascuno mentre per la panchina non ci sono limiti;
  • Le sostituzioni sono illimitate.

A questo punto non abbiamo più alibi… la prossima volta che diluvia ci vediamo tutti al campo per una bella partita di “Swamp Football”!!!

Rispondi