Olimpus Olgiata 1-2 Lucky Junior, il Pagellone del Bellugi

LA PARTITA

Considerate le difficoltà di formazione (solo 14 elementi disponibili) e il fatto di giocare contro una squadra “fuori classifica”, non era facile trovare le giuste motivazioni. Il pericolo era quello di entrare in campo con l’approccio sbagliato, ma la Lucky Junior ha dimostrato maturità e concentrazione e ha finito per mettere a segno un’altra bella vittoria.

 

TABELLINO

OLIMPUS OLGIATA: CECCARINI, OMICCIOLI, BONFA’ (DAL 75’ MRAIDA SKANDER), NARDACCHIONE, GALLI, SARDO, GIANNONE (C), CAIAZZA, POPPI, CALIGIURI (DAL 65’ ZINNANTI), LOVETRO. ALLENATORE: SARROCCHI.

LUCKY JUNIOR: BUONO, CLEMENTE, CAMMARATA, S. CENCIONI, BELLUCCI (C), FABBER, NULLI, CICCHETTI, TUZZI (DAL 62’ J. CENCIONI), D’ALESSIO (DAL 70’ ZEPPIERI), FORTINI (DAL 54’ MONDERNA). ALLENATORE: LOMBARDI

MARCATORI: 23’ D’ALESSIO, 49’ FORTINI, 90+2 GIANNONE.

AMMONITI: MRAIDA SKANDER (O), FABBER (L)

BUONO 6,5 – Anche quest’anno aveva deciso di appendere i guantoni al chiodo, ma il richiamo del rettangolo di gioco e soprattutto l’amore per la Lucky lo hanno convinto a firmare l’ennesimo cartellino della sua storia giallo-blu. Arriva così un’ottima prestazione: sempre sicuro e deciso nelle prese. Nel primo tempo compie una paratona, in un uno contro uno, ipnotizzando l’attaccante avversario che gli spara addosso. Sul gol nel finale non può veramente fare nulla. BUONA LA PRIMA

CLEMENTE 6,5 – Dopo due settimane di vacanze non ha fatto in tempo a scendere dall’aereo che, causa emergenza, si è visto recapitare sulle spalle la maglia numero 2. Una partita senza errori difensivi. Deciso e caparbio nelle entrate e nei recuperi. Sembra non aver mai staccato la spina. GARIBALDI

CAMMARATA 7,5 – Una partita sontuosa. Veloce, tecnico, fa sembrare le cose difficili estremamente semplici. Non compie mai fallo facendo sparire la palla tra i piedi degli avversari neanche fosse Arsenio Lupin! Peccato per il piccole errore nei minuti finali sulla trequarti che spiana un autostrada a Giannone che, tutto solo davanti a Buono, non sbaglia. MOSTRUOSO

S. CENCIONI 6,5 – Interpreta il ruolo alla sua maniera, aggressivo e pronto alla ripartenza sulla fascia. Una buona prestazione, soprattutto dal punto di vista difensivo, sembra finalmente essersi calato nella realtà della terza categoria. Quando entra in campo il fratello Jacopo si avvera il suo sogno di poter giocare finalmente insieme. Lo guida nei movimenti incitandolo a ogni giocata, da vero fratellone!!! BROTHERS IN ARMS

BELLUCCI 6,5 – La fascia da capitano e la numero 10 sulle spalle potevano essere un peso (visti i precedenti…) ma sin da subito interpreta il ruolo di esterno destro con sicurezza e decisione. Giocate semplici e tanta corsa, proponendosi con continuità in avanti. Ottima soprattutto l’intesa in fase difensiva il compagno Clemente, con cui sembra trovarsi a meraviglia. Verso la mezz’ora del secondo tempo, nel tentativo di fermare un avversario che calciava in porta, prende una brutta botta alla caviglia, ma rimane comunque in campo fino alla fine. CAPITAN FARLOCK

FABBER 7 – Quando gioca con il cervello “sgombro” è tutta un’altra storia. Partita ordinata e senza troppi affanni, questa volta oltre a dominare i cieli sulle palle alte riesce anche a far girare bene palla. Bellissima una sua azione personale nel primo tempo dove compie un coast to coast seminando gli avversari ma arrivando troppo stanco al limite dell’area di rigore. Peccato per l’ammonizione presa nel finale di partita per un ennesimo ed evitabile fallo di gioco. Colpito da crampi è costretto ad uscire prima del recupero. MANGIAFUOCO

NULLI 6,5 – In mezzo al campo è lui che deve fare gioco e cerca quindi di farsi vedere tra li linee per ricevere palla. Spreca pochi palloni e riesce ad essere anche incisivo negli ultimi trenta metri, conquistando diverse punizioni. Proprio dai suoi calci piazzati nascono anche due palle gol nitide che Cammarata e Fortini sprecano. PUNGENTE

CICCHETTI 6 – Dopo un primo tempo moscio e flemmatico, cambia nettamente marcia nella ripresa. Forse la presenza del Mister a portata di orecchio lo sprona e gioca con maggiore convinzione e soprattutto cattiveria agonistica. A fine partita ha cambiato ben 4 ruoli, rilevandosi un giocatore comunque prezioso per la squadra. ABBACCHIATO (ALLA SCOTTA DITO)

TUZZI 6 – Una prestazione senza infamia e senza lode. Si piazza tra le linee e quando può cerca la giocata personale grazie alla sua rapidità nello stretto. Rispetto all’indemoniato D’Alessio è più indolente a ripiegare in fase difensiva lasciando spesso solo il compagno Cicchetti in rischiosi due contro uno. Esce perché non ancora al meglio della condizione. Considerati i pochi allenamenti nelle gambe dell’ultimo periodo. FIACCO

DAL 62’ J. CENCIONI 6 – Dopo tanti allentamenti arriva anche per la prima presenza in campionato. Una data importante visto che era alla sua prima apparizione in un campo di calcio e per di più debuttando davanti al suo fratellone Simone. Patisce l’inevitabile emozione sbagliando qualche giocata e non trovando subito la posizione giusta in campo. Avrà tempo e modo di migliorare, l’importante e dare sempre il massimo in campo! THE ROOKIE

D’ALESSIO 7,5 – Un gol e l’assist per la rete di Fortini basterebbero a giustificare il voto ma è stata la sua interpretazione della partita che ha fatto la differenza. Dopo il nervosismo della partita contro lo Spartak Lidense si rimbocca le maniche giocando in maniera intelligente e generosa, senza risparmiarsi. Ripiega in continuazione seguendo il terzino e a volte anche l’ala avversaria, facendosi però poi trovare pronto a scattare in avanti. Concentrato e motivato sbaglia veramente poco contendendosi con Cammarata la palma del migliore in campo. Quando gioca così non ce n’è veramente per nessuno. MOTO PERPETUO

DAL 70’ ZEPPIERI 6 – La voglia di fare bene c’è ma le gambe ancora non fanno quello che vorrebbe il cervello. Tenta di andare via nello stretto ma si impantana nella macchinosità dei suoi movimenti. Anche lui prende una bella botta alla caviglia e stringe i denti fino al fischio finale. ARRUZZONITO

FORTINI 6,5 – I compagni lo cercano essendo il punto di riferimento in avanti. Cerca troppo spesso la giocata di prima quando a volte dovrebbe tentare di tenere su palla e prendere qualche fallo. Nel complesso gioca una partita generosa condita da un palo e dal gol del 2-0 che di fatto decide la partita. PENNELLONE

DAL 54’ MONDERNA 6 – Si danna l’anima per farsi vedere tra le linee ma entra in un momento di stasi della partita. Ci prova ma riceve veramente pochi palloni giocabili, con i compagni che, quando vedevano la porta, cercavano di entrare nel tabellino dei marcatori. Per questo si fa sentire con i compagni in diverse occasioni… VITTORIO SGARBI

LOMBARDI 6,5 – Non era facile dare motivazioni in una gara che non aveva valore per la classifica e soprattutto con la squadra dimezzata da infortuni ed assenze varie. La sua Lucky ha però dimostrato di essersi ripresa, buttando il cuore oltre l’ostacolo e portando a casa una vittoria ma soprattutto una prestazione che fa morale e da convinzioni ai ragazzi che giocano meno.

FUORI DAL CAMPO: Considerato che la partita era alle 18 di un gelato sabato non ha potuto seguirci praticamente nessuno. Ci vediamo tutti domenica prossima alle 15 per la gara interna contro lo Sporting Pomezia… non mancate e venite a sostenerci!!! KEEP KALM AND SUPPORT LUCKY JUNIOR

Rispondi