Lucky Junior 2-2 SS Vittoria Roma: il Pagellone del Bellugi

GALANTE POLVERE DI STELLE. LA DIFESA REGGE, CESARETTI E DI TOMMASO TORNANO AL GOL. D’ALESSIO, CHE GRINTA!

Galante in azione contro la difesa del SS Vittoria Roma

TABELLINO

LUCKY JUNIOR

PACIARONI, ORSOLINI, PAZIENZA, MAURIZIO, STEFANINI (DAL 74’ BETTI), D’ALESSIO, CAMMARATA, ARMENI (DAL 57’ GATTO), GALANTE (DAL 90’ CATALDO), CESARETTI (DAL 92’ ANTONETTI), DI TOMMASO (C) (DAL 80’ MANUPELLI). PANCHINA: GIGANTE, CLEMENTE. ALLENATORE: MASSA.

SS VITTORIA ROMA 1908

DI RUZZA, CIMA (DAL 60’ PICA), DI CANIO, CAMMILLERI (C), CANOFARI, DE BENEDECTIS, ROSSI, UCCI, CIFERRI (DAL 65’ CAPOROSSI), DANTI, NARDULLI. LALLI, FANELLI, CAMPODONICO, KLOMPEMHOUWER, MORELLI. ALLENATORE: POTA

ARBITRO: IMPROTA EMANUELE (SEZ. DI ROMA 1)

RETI: 6’ CIFERRI, 24’ CESARETTI, 32’ DI TOMMASO (R), 34’ DI CANIO

AMMONITI: ARMENI, GATTO, GALANTE – CAMILLERI

NOTE: RECUPERO: I TEMPO 0’, II TEMPO 3’. SPETTATORI 40 CIRCA.

PAGELLONE

PACIARONI 6 – Sul gol iniziale di Ciferri poteva veramente fare poco ma sulla rete del pareggio, direttamente da calcio d’angolo, poteva e doveva fare di più. Si riscatta nella seconda frazione con maggiore sicurezza e decisone. PISOLONE

ORSOLINI 7 – È in una condizione fisica pazzesca. Un vero treno su quella corsia. Eregge un muro dalla sua parte e si toglie anche lo sfizio di qualche giocata di classe. Da brividi la percussione palla al piede del secondo tempo con cross perfetto per Di Tommaso che, però, spreca di testa. DUCATI

PAZIENZA 7 – Carico a pallettoni fa valere la sua prestanza fisica. Ottime anche le sue diagonali difensive che denotano una concentrazione e attenzione nelle letture difensive. Se gli avversari non tirano praticamente mai in porta il merito è anche il suo. Finisce la partita con la fascia al braccio dopo l’uscita del compagno Di Tommaso. SHENRON

MAURIZIO 7 – Gioca con una caviglia fuori uso ma sembra non patire alcun dolore. Anzi gioca con una attenzione e precisione chirurgica lasciando le briciole agli avversari. Non commette mai un fallo estirpando come erbacce i palloni dai piedi degli avversari. IL GIARDINIERE

STEFANINI 6 – Del pacchetto difensivo è forse quello che soffre di più anche se poi in avanti ripaga la fiducia con ottime giocate. Anche sui calci piazzati è stato meno preciso del solito. Finisce la benzina sul più bello. MACCHINOSO

DAL 74’ BETTI 6 – Entra con la testa giusta risolvendo fin da subito situazioni anche complicate, mettendoci cattiveria ed astuzia. Per il resto qualche piccolo errore di gioventù, ma ci può stare. SFRONTATO

D’ALESSIO 7 – Inizio così cos’ poi esce alla distanza facendo vedere di che pasta è fatto. Lotta, combatte a volte eccede anche in agonismo, ma piomba su ogni pallone come fosse l’ultimo della partita, facendosi trovare sempre pronto nelle ripartenze. Da giocatore la finta con cui manda in bambola due avversari in area di rigore prendendosi un rigore sacrosanto. Stringe i denti nel finale nonostante non ne avesse veramente più. BAD BOY

CAMMARATA 6,5 – Esce alla distanza dopo un primo tempo di puro sacrificio a rincorrere gli avversari. Li nel mezzo della battaglia si trova a suo agio e quando gli avversari tirano il fiato gli fa vedere che non è da meno. CARRARMATO

ARMENI 6 – Gli piace il lavoro sporco e quando trova avversari di questo livello sembra esaltarsi. Peccato per l’ammonizione presa nel primo tempo che condiziona il rendimento del resto della sua gara. Sostituito proprio per evitare il secondo giallo. THE BOXER

DAL 57’ GATTO 6 – Entrare subito in una partita difficile e intense come questa non è mai facile e ci mette diversi minuti a carburare. Anche il giallo preso dopo qualche minuto non lo aiuta ma poi si rimette in carreggiata fornendo, alla fine, un buon contributo alla squadra. ARRUFFATO

GALANTE 8,5 – Strepitoso, sensazionale, magnifico. Di gran lunga il migliore in campo. Una partita giocata a ritmi mai visti prima, da vero uomo squadra, da giocatore vero. Sulla fascia non lo hanno mai preso e si è anche divertito con diverse giocate delle sue nello stretto. Ma quello che più ha impressionato sono stati i recuperi difensivi e l’intensità messa in campo. Certo il gol mangiato all’inizio della ripresa a tu per tu con il portiere, poteva cambiare definitivamente le sorti della gara e sono situazioni sulle quali deve ancora lavorare per migliorare. Alla sostituzione, stremato, si vedeva chiaro in volto che aveva ancora gli occhi della tigre che avrebbe potuto lottare anche senza più fiato in corpo. L’ARROGANTE

DAL 90’ CATALDO S.V. – Seppur in campo per pochi minuti entra con una grande carica agonistica dando il suo apporto alla squadra nel recupero. Questo è lo spirito giusto! CARICO

CESARETTI 7,5 – Sul gol del pareggio fa un numero grandioso. Potenza, classe, velocità e freddezza in una sola azione. Quello che stupisce è sempre la cattiveria che mette su ogni pallone, la determinazione con cui attacca la profondità e va in pressing sul portatore di palla. Nonostante i tanti colpi presi e qualche acciacco fisico è stato uno dei migliori in campo. VEGETA

DAL 92’ ANTONETTI S.V. – Entra poco prima del fischio finale non avendo ne il modo ne il tempo per farsi apprezzare. SCONGELATO

DI TOMMASO 6,5 – Partita di puro sacrifico del capitano. Scende tanto tra le linee, forse troppo, immolandosi in compiti difensivi, rincorrendo e sradicando palloni anche nella sua metà campo come un Gattuso dei bei tempi. Davanti perde qualcosina in termini di lucidità riuscendo a concludere poco in porta e sbagliando qualche passaggio di troppo ma rimanendo comunque un buon punto di riferimento per i compagni. Glaciale, come sempre, dal dischetto, insacca il rigore del vantaggio con un forte tiro rasoterra a fil di palo. Esce stremato nel finale. ICE MAN

DAL 80’ MANUPELLI S.V. – Non entra con la giusta cattiveria agonistica ma non era facile risultare decisivi in una partita bloccata come questa. Tocca pochi palloni e nel complesso si vede poco in avanti. STRACCHINO

NON ENTRATI: GIGANTE, CLEMENTE.

MASSA 7,5 – Partita di intensità incredibile, giocata a ritmi che difficilmente si vedono in terza categoria. Ma quello che stupisce è anche l’attenzione e l’abnegazione tattica di tutti i ragazzi che sembrano sapere sempre cosa fare. Una voce continua durante tutta la partita, una guida ed un appiglio sicuro per tutti i naviganti.

FUORI DAL CAMPO 10 – Il freddo e la pioggia non hanno fermato i nostri tifosi che ci hanno sostenuto in questa partita importante per la classifica ma anche per capire di che pasta siamo fatti. Un febbricitante Fabrizio Croce  non ha fatto mancare il suo apporto trovando, stavolta, in Giorgio Manupelli una spalla ideale! Presente come sempre anche “Gabriellino” D’Alessio nonché i ragazzi non convocati come Alessio Nutile, Andrea Venditti e Matteo Zeppieri che erano presenti in tribuna a sostenerci con un grande spirito di partecipazione! I risultati sono merito di tutti! KEEP CALM AND SUPPORT LUCKY JUNIOR

Rispondi