Lucky Junior 2-2 Carpineto Romano, il Pagellone del Bellugi

TABELLINO

LUCKY JUNIOR: VIOLA, CUGINI (DAL 56’ ANTONETTI), CAMMARATA, PAZIENZA, ORSOLINI (DAL 68’ CLEMENTE), GALANTE, ARMENI, GATTO (DAL 82’ TERRIBILI), STEFANINI, TUZZI (DAL 74’ CICCHETTI), DI TOMMASO (C). PANCHINA: FORTINI, BELLUCCI. ALLENATORE: LOMBARDI

CARPINETO ROMANO: COLUZZI, ZANOINO (DAL 75’ ERAMO), NARDI (DAL 92’ CARADONNA), CAMPAGNA, CACCIOTTI S. (C), CORVO, CENTI (DAL 74’ MARONI), CACCIOTTI C., CRISTIANI (DAL 57’ CACCIOTTI F.), COLUZZI L., FILIPPI (DAL 90’ CAMPANELLO). PANCHINA: CACCIOTTI L., PROSPERI. ALLENATORE: GAVILIUCCI.

MARCATORI: 24’ FILIPPI, 29’ ARMENI, 34’CORVO, 74’ ANTONETTI.

AMMONITI: GALANTE, STEFANINI, TERRIBILI – FILIPPI, CAMPAGNA, CACCIOTTI S.

PAGELLONE

VIOLA 7 – Tiene in piedi la baracca con due interventi strepitosi nel secondo tempo proprio prima del gol di Antonetti del definitivo 2-2. Sulle reti del Carpineto non può farci veramente nulla e nel complesso ha giocato la solita grande partita. FORTEZZA VOLANTE

CUGINI 5,5 – Generoso ed intraprendente di natura deve lavorare ancora tatticamente per poter interpretare al meglio il ruolo. La sua velocità l’aiuta tantissimo nei recuperi e sulle palle alte è uno che entra duro e deciso. Prima della sostituzione va, infatti, vicinissimo al gol con una bella incornata di testa su azione di calcio d’angolo. APPRENDISTA

DAL 56’ ANTONETTI 7 – E’ uno di qui giocatori che sa entrare subito in partita, che sa leggere la partita. Come contro il Gavignano entra nel vivo del gioco sin da subito trovando, stavolta, una posizione da mezzala destra che gli permette di trovare spazi in cui infilarsi. Dopo un paio di cross calibrati in area di rigore mal sfruttati dai compagni trova la zampata vincente alla mezz’ora del secondo tempo, raccogliendo in area piccola un tiraccio da fuori di Tuzzi, rimbalzato tra una selva di gambe, e piazzandolo col piattone alle spalle di un incolpevole Coluzzi. SANTA MARIA ANTONETTI

CAMMARATA 6 – Questa volta fatica maggiormente contro avversari forti e preparati come quelli del Carpineto ma non si abbatte e risponde comunque colpo su colpo. Peccato per l’errore in marcatura nell’azione del secondo gol degli avversari dove si perde Corvo, che tutto solo insacca di testa alle spalle di Viola. ANCHE GLI ANGELI MANGIANO FAGIOLI

PAZIENZA 6,5 – In partite difficili come questa si esalta. I corpo a corpo sono il suo forte e nei contrasti ne esce sempre vincitore. Migliorato notevolmente nell’uno contro uno non si fa saltare praticamente mai giocando una seconda frazione di gara superlativa. Da rivedere, ancora, la gestione della linea difensiva e di alcuni movimenti. L’UOMO D’ACCIAIO

ORSOLINI 6 – Partita attenta ed accorta con qualche scelta discutibile nelle scelte difensive. Cresce però alla distanza aumentando i giri del motore e proponendosi con più costanza in avanti. Spostato a destra con l’uscita di Cugini sembrava aver trovato il ritmo giusto e proprio nel suo momento migliore viene tolto dal campo. Il vero Orso, però, è ancora in cantiere. FAST & FURIOUS

DAL 68’ CLEMENTE 6 – Molto bene nonostante l’infortunio muscolare che gli da noia da qualche settimana. Entra determinato e concentrato riuscendo a non far rimpiangere il compagno seppur interpretando il ruolo in maniera completamente differente. Due interventi da urlo stoppano due ripartenze pericolose degli avversari. LEONE FERITO

GALANTE 6,5 – E’ stato, per lunghi tratti, quello che ha creato più pericoli alla retroguardia avversaria. Dopo un ottima prima frazione di gara, in cui ha fatto ammattire il terzino di turno e fornito diversi assist ai compagni, nella seconda fase di gara, complice la stanchezza e, soprattutto, i continui raddoppi avversari è risultato meno incisivo. Nel finale di gara, all’ennesimo scatto, fa venire i crampi al terzino avversario che esce dal campo con un mal di testa degno di nota… ASPIRINA

ARMENI 7,5 – Prestazione maiuscola. Ha saputo finalmente prendere per la mano la squadra con personalità, mostrando ai compagni, con quell’incredibile gol dalla trequarti, che si poteva giocare alla pari, scrollandosi da dosso le paure iniziali. Oltre al grande lavoro oscuro in fase di non possesso, nel quale si è oramai calato magnificamente, è stato il centro del gioco della squadra. Insieme a Gatto, poi, formano una coppia affidabile e tecnicamente molto valida. Che sia l’anno della sua definitiva consacrazione? STELLA POLARE

GATTO 6 – Tornato all’ovile da una sola settimana sembra non aver mai staccato la spina. Gioca un’ora buttando letteralmente il cuore oltre l’ostacolo dimostrando che, quando le gambe non vanno, la testa può aiutare tanto. Peccato per i troppi errori nei tanti calci piazzati che potevano essere gestiti meglio considerata la potenza aerea di quest’anno. Esce stremato nel finale con Cammarata che va a prendere il suo posto al fianco di Armeni. DURACELL

DAL 82’ TERRIBILI S.V. – Giusto il tempo di chiarire come stanno le cose con gli avversari: entrata a forbice da dietro, cartellino giallo e tutti a casa. KISS ME LUCIO

STEFANINI 6 – Con quel passo flemmatico e cadenzato sembra sempre che vada a due all’ora ma in realtà macina un sacco di chilometri in velocità. Nello stretto nonostante le lunghe leve riesce spesso a destreggiarsi andando via al suo marcatore. Buona anche la fase difensiva (molto bene da terzino nel secondo tempo) e quel faccino da bravo ragazzo nasconde invece un grande agonismo e nessuna paura di fare interventi decisi quanto serve. WILL TURNER

TUZZI 5,5 – Gioca tutta la partita con grande cuore e coraggio seppur trovando ancora difficoltà tattiche di integrazione con il compagno di reparto Di Tommaso. Invece di fare il satellite intorno al pianeta Lucone spesso gli va a pestare i piedi non raccogliendo i frutti dell’enorme lavoro di sponda del capitano. Non si tira comunque mai indietro e da un suo tiraccio dal limite nasce, infatti, il gol del pareggio di Antonetti. HOUSTON… ABBIAMO UN PROBLEMA!

DAL 74’ CICCHETTI 6 – Liscia in area di rigore un cross pennellato di un ispirato Antonetti. Se avesse impattato al volo avrebbe fatto, forse, il gol dell’anno. Peccato. Per il resto il solito contributo di quantità. VORREI MA NON POSSO

DI TOMMASO 6 – Il capitano è un leone in gabbia. Lotta e si sfianca nel solito lavoro di sponda nonostante qualche acciacco che non gli da tregua da qualche settimana. Il gol si vede che gli manca come un bicchierino di whisky per un alcolizzato in astinenza ma non per questo deve sentirsi amareggiato per una prestazione di cuore e nella quale è andato comunque molto vicino al gol con un bel colpo di testa nel primo tempo. JACK DANIEL’S

NON ENTRATI: FORTINI, BELLUCCI

LOMBARDI 6,5 – La squadra sembra aver finalmente ritrovato quello spirito battagliero che aveva contraddistinto quasi tutta la passata stagione. I suoi ragazzi sembrano aver finalmente capito che bisogna lottare fino alla fine indipendentemente dal risultato. Azzeccati anche i cambi, visto il gol del subentrante Antonetti.

FUORI DAL CAMPO 8: Il clima monsonico non ha fermato la nostra tifoseria che si è ripresentata, finalmente, anche munita di striscione. Grazie come sempre a tutti per il supporto! KEEP CALM AND SUPPORT LUCKY JUNIOR

Rispondi