Lucky Junior 1-2 Real Gavignano, il Pagellone del Bellugi

TABELLINO

LUCKY JUNIOR: VIOLA, ORSOLINI, TERRIBILI (DAL 59’ CICCHETTI), PAZIENZA, CENCIONI (DAL 46’ STEFANINI), CAMMARATA (DAL77’ BELLUCCI), CUGINI, NULLI (DAL 53’ ANTONIETTI), ARMENI (DAL 83’ FORTINI), GALANTE, DI TOMMASO (C). PANCHINA: ZEPPIERI. ALLENATORE: LOMBARDI

REAL GAVIGNANO: OSENI, POLIDORI, DEL MONTE, BINETTO, CANALI (C), FEROLA (DAL72’ GIORGIO), FERRARI, TRULLI (DAL 75’ FAVALE), CARINCI, CERBARA, PIETRANGELI. ALLENATORE: SINIBALDI.

MARCATORI: 17’ E 56’ CARINCI, 72’ STEFANINI.

AMMONITI: TERRIBILI, ARMENI, DI TOMMASO – CANALI, FERRARI.

 

PAGELLONE

VIOLA 6 – Nonostante l’influenza non getta la spugna ed entra in campo con i compagni. Sul gol del vantaggio degli ospiti valuta forse male la traiettoria del calcio piazzato mentre per poco non respinge il rigore del momentaneo 2-0 nella seconda frazione. Tutto sommato e considerate le condizioni fisiche una prova più che dignitosa. LA FEBBRE DEL SABATO SERA

ORSOLINI 5,5 – Prova ancora sotto le aspettative. Sembra mancare di quel fuoco vivo che fa valere i suoi grandi mezzi atletici e tecnici. Anche i continui cambi di ruolo forse non lo aiutano. Chiusure difensive comunque sempre efficaci ma in avanti si propone poco e quando lo fa i compagni non lo vedono. BLOCCATO NEL TRAFFICO

TERRIBILI 5 – Quest’anno sembra più nervoso del solito ed in campo si vede. Tanti falli cercando l’anticipo e poca concentrazione nel tenere la linea difensiva, sfociano nell’inutile ed irruento fallo da rigore del secondo tempo. Viene tolto dal campo di gioco per evitare la sanzione massima dopo il giallo per proteste troppo plateali. ELETTRICO

 Dal 59’ CICCHETTI 6 – Buona frazione di gara, diligente come sempre, ma senza vere azioni di nota. Servirebbe maggiore personalità. BAMBOLA VOODOO

PAZIENZA 6 – Inizia pigramente con movimenti da bradipo su un albero di baobab. Pian pianino si sveglia e quando si tratta di marcare ad uomo senza compiti di comando tira fuori le unghie ed esce il ghepardo che è in lui. Due interventi spettacolari in area di rigore (quello in scivolata specialmente) e tutti i duelli vinti nell’uno contro uno. Con un direttore di orchestra al suo fianco sarebbe tutta un’altra storia. HAKUNA MATATA

CENCIONI 6 – L’inizio non è dei migliori e da un ingenuo fallo al limite dell’area nasce la punizione che porta in vantaggio il Real Gavignano. Lui, però, è uno tosto e riesce a riemergere dalle sabbie mobili con discreta personalità. Non è bastato per convincere il Mister a fine primo tempo. ELIMINATO AL TELEVOTO

Dal 46’ STEFANINI 6,5 – Entra benissimo in partita proponendosi in avanti con grande continuità. Lo stacco imperioso di testa che porta al suo primo gol con la Lucky è il saggio delle sue doti negli ultimi 30 metri. Meno bene quando si deve difendere ma con la squadra sotto di 2 reti serviva la sua vivacità in avanti. TORRE

CAMMARATA 6 – Nonostante non sia ancora al massimo è stato uno dei più vivi in mezzo al campo. Buona la fase di interdizione ma ancora acerba quella di impostazione nella quale ha sempre fatto vedere grandi cose. Esce stremato e dolorante per una brutto colpo al polpaccio. IN RODAGGIO

Dal 77’ BELLUCCI S.V. – Dopo un precampionato a giocare in avanti eccola li che all’ennesimo debutto in campionato con la Lucky torna al suo ruolo di terzino destro. Buone cose in fase di copertura ma sbaglia due cross importanti nel finale di gara. DINOSAURO

CUGINI 6 – Le cose migliori le fa sicuramente quando viene avanzato da seconda punta nell’ultima mezz’ora. Da esterno sembra essere, infatti, tatticamente ancora troppo acerbo con movimenti che andavano a pestare i piedi alla punta invece di sfruttarne gli spazi che vi si aprivano ai lati. Ha però di buono che non molla mai ed ha una grande corsa che gli permette buoni recuperi difensivi. Come detto si rende pericoloso nel finale di gara buttandosi coraggiosamente su ogni pallone ma il gol non arriva. CAVALLO SELVAGGIO

 NULLI 5,5 – Prestazione vuota e senza nerbo. Da uno della sua qualità ed esperienza si chiede di fare la differenza, di tracciare nel campo la via da far seguire alla squadra per arrivare alla vittoria. Nessuna azione degna di nota. CALIPPO SQUAGLIATO

 Dal 53’ ANTONIETTI 6 – Entra molto bene in partita dettando ai tempi alla squadra che gioca un ottimo finale di gara. Sembra accendere la luce in una prestazione troppo buia per essere vera. Di suoi piedi passano tanti palloni e la squadra sembra affidarsi a lui senza ciecamente. FUOCO D’ARTIFICIO

ARMENI 5,5 – Del giocatore visto l’anno scorso si vede ancora veramente troppo poco. Troppo lento ed impreciso nel giocare palla, nella fase di interdizione non dimostra quella cattiveria che aveva fatto strabuzzare gli occhi anche ai suoi familiari che non conoscevano quel lato combattivo. Il suo mostro però è ancora chiuso nel suo armadio della cameretta, chissà se uscirà fuori nelle prossime partite. BABAU

Dal 83’ FORTINI S.V. – Quattordicesimo debutto stagionale del presidente con la Lucky. Il Mister si affida a lui nel disperato tentativo di raddrizzare la partita ma le favole, nella realtà, non sono sempre a lieto fine e la magia non accade. THE LEDENG

GALANTE 5,5 – Si incaponisce in troppi dribbling finendo nella abile ragnatela tesa dai difensori avversari che hanno capito il suo gioco e lo anticipano appena tocca palla. Nel secondo tempo si mangia un gol colossale davanti solo davanti al portiere. Nel complesso non è mai riuscito ad essere veramente l’arma in più dell’undici giallo nero. PREVEDIBILE

DI TOMMASO 5,5 – Potrebbe pareggiare pochi minuti dopo il vantaggio del Real Gavignano ma il killer istinct non aveva ancora spezzato il fiato ed il pallone finisce sulla pancia del portiere. Prosegue nervosamente una battaglia endogena con se stesso, gli avversari e l’arbitro che gli fa perdere inutili energie. Non risulta quindi mai pericoloso, seppur svolga un buon lavoro di sponda che i compagni non recepiscono proprio. STRESSATO

NON ENTRATO: ZEPPIERI.

LOMBARDI 5,5 – La squadra sembra aver perso lo spirito battagliero che ha contraddistinto l’anima della Lucky nella stagione passata. La reazione del secondo tempo è la strada da cui ripartire per far vedere di che pasta sono fatti i suoi ragazzi.

FUORI DAL CAMPO 8 – Per la prima casalinga della stagione una buona cornice di pubblico ha popolato gli spalti del Domenico Fiore di Marino. Le voci dei nostri Croce e Tuzzi, nel particolare, hanno echeggiato e supportato la squadra per tutta la partita… peccato per il risultato finale! Un grazie particolare a Cugini senior per aver recuperato ber tre palloni letteralmente “imbarcati” nella boscaglia.

Rispondi