Sette goal fantasma che hanno fatto storia (più uno)

Questo slideshow richiede JavaScript.

  1. Frank Lampard. Mondiale Sudafraica 2010, Ucraina-Inghilterra. Con i suoi sotto di un gol Lampard calcia da fuori area. La palla, prima di uscire dalla porta, batte sulla traversa e poi mezzo metro oltre la linea. L’arbitro non vede, i suoi collaboratori nemmeno e l’azione riprende con un rilancio di Neuer. Alla fine La Germania vincerà per 4-1.
  2. Goeff Hurst. Mondiale 1966, finale, Inghilterra-Germania. Durante i tempi supplementari,  l’Inglese Geoff Hurst calcia sulla traversa e il pallone rimbalza sulla riga di porta. Difficile stabilire se la sfera sia entrata o meno, ma nel dubbio l’arbitro convalida la rete del 3-2 per gli inglesi. Grazie al goal “fantasma” di Hurs l’Inghilterra vincerà il suo primo campionato del mondo.
  3. Stefan Kiessling. Hoffenheim-Bayer Leverkusen. Sull’uno a zero per la propria squadra, Kiesseling colpisce di testa e spedisce la palla sull’esterno della rete. L’attaccante si dispera mettendosi le mani nei capelli, ma quando l’arbitro gli assegna il goal finge di non sapere ed esulta. La palla, è entrata attraverso un buco nella rete, traendo in inganno il direttore di gara.
  4. Stefano Bianconi. Empoli-Juventus, 1998. Con i bianconeri in vantaggio per 1-0 Bianconi pareggia di testa infilando Peruzzi. La palla finisce oltre la linea di porta di almeno un metro ma l’arbitro non vede il goal e la Juve vince la partita.
  5. Sullivan Muntari. Milan-Juventus, febbraio 2012, sfida scudetto. Muntari colpisce di testa da distanza ravvicinata e la palla supera abbondantemente la linea di porta. Buffon respinge comunque il pallone e l’arbitro non convalida la retee.
  6. Luis Garcia. Semifinale Champions League, Liverpool Chelsea.  Luis Garcia calcia in porta ma il pallone è respinto sulla linea da Gallas.  Difficile stabilire con certezza se la palla sia entrata o meno in porta. L’arbitro, comunque, convalida la rete su segnalazione di un assistente.
  7. Marko Devic. Euro 2012, Ucraina-Inghilterra. Devic calcia in porta e Terry sembra intervenire quando la palla è ormai oltre la linea. L’arbitro non assegna la rete e gli inglesi si qualificano ai quarti, a scapito della stessa Ucraina.
  8. Matteo Fabber. Partita amichevole di Foligno, Lucky Junior-amici di Spoleto. Fabber spedisce verso la porta un tiraccio di sinistro dalla lunga distanza. La palla colpisce la traversa e rimbalza evidentemente prima della linea di porta. L’arbitro, giustamente, non assegna la marcatura ma il centrocampista giallo-blu rimane convinto di aver segnato. A lungo, durante il viaggio di ritorno dalla lunga trasferta umbra, sfiancherà i compagni di squadra Buono e Zeppieri (presente anche l’ex Di Vanna) gloriandosi di un goal in effetti mai realizzato.

 

Rispondi