I dieci peggiori bidoni del calcio italiano

Questo slideshow richiede JavaScript.

  1.  Athirson. Strappato al Flamengo nel gennaio del 2001, il “nuovo Roberto Carlos” collezionerà appena cinque presenze con la Juventus.«E’ un ragazzo che fa subito una buona impressione, una persona che piace all’istante» (Umberto Agnelli, dirigente Juventus)
  2.  Fabio Junior. Arrivato a Roma, nel 1999, per 30 miliardi di lire,  il “lampo azzurro”, malgrado i paragoni con Ronaldo, giocherà appena 16 partite, segnando solamente 4 reti. «Credo di essere al momento l’attaccante brasiliano piu’ forte in attivita’. Ronaldo? Non so, non devo pensare io cosa giri nella testa degli altri, di cosa siano convinti. Devo solo sapere d’essere il piu’ forte, e ne sono convinto» (Fabio Junior Pereira, attaccante Roma)
  3.  Gaizka Mendieta. Acquistato dalla Lazio nel 2001 dopo un’ottima stagione con il Valencia, lo spagnolo -costato 43 miliardi- scenderà in campo solo 20 volte senza lasciare alcun segno. «Il suo arrivo ci da’ sicuramente piu’ forza e piu’ qualita’ e la squadra non potrà che trarne beneficio» (Dino Zoff, allenatore Lazio)
  4.  Mario Jardel. Tra il 1996 e il 2003 è stato senza ombra di dubbio uno dei migliori cannonieri d’Europa. Brasiliano, forte fisicamente e dotato di buona tecnica, per sette anni consecutivi ha segnato in media più di un goal a partita. Acquistato nel 2004 dal neopromosso Ancona, Jardel, grasso e privo di qualsiasi spunto scenderà in campo solamente tre volte.  «Lasciatemi fare gol, salvare l’Ancona, e allora qualcuno arrivera’ a richiedermi. Io ci credo ancora a una grande italiana» (Mario Jardel, attaccante Ancona, nel giorno della presentazione)
  5.  Jay Bothroyd. Preso a parametro zero dal Perugia, nel 2003, “the snake”, malgrado la sua enorme stazza fisica- giocherà 28 partite, segnando cinque reti.
  6.  Darko Pancev. Arrivato a Milano nel 1992 dopo aver vinto Coppa dei Campioni, Coppa Intercontinentale e Scarpa d’Oro con la Stella Rossa, si distinguerà solamente per la scarsa mobilità e qualche clamoroso goal sbagliato. <<L’Inter è stata il più grande sbaglio della mia vita. Nel ’91 mi volevano Milan, Barcellona, Manchester United, Real Madrid e sono finito in una squadra difensivista>> (Darko Pancev)
  7.  Vampeta.  Acquistato dall’Inter, nel 2003, per 30 miliardi di lire, prima di scomparire nel nulla giocherà solamente 4 partite con i nerazzurri. « È un Tardelli moderno» (Giancarlo Antognoni)
  8. José Luis Calderon. Dall’Independiente al Napoli per 7,5 miliardi di lire, nel  1996, giocherà con gli azzurri 6 partite senza mai andare a segno. «Bisogna capirlo, non e’ abituato a questo tipo di preparazione» (Igor Protti, attaccante Napoli)
  9.  Juan Esnaider. Acquistato nel 1999 per sostituire l’infortunato Del Piero, l’argentino -costato circa 12 miliardi- giocherà 16 match senza realizzare alcuna rete.
  10.  José Mari. Costato 40 miliardi, nel 1999, lo spagnolo scenderà in campo con il Milan 52 volte, segnando appena 5 goal.

Rispondi