Antonio Ianni 2-0 Lucky Junior, il Pagellone del Bellugi

TABELLINO

ANTONIO IANNI: BIASI, SCARAMASTRA (DAL 84’ TURINI), SANTINI, RODA’, RIGANTI (DAL 77’ CAMPANA), SAMA’, CARLINO, STERN (C) (DAL 89’ MENCARELLI), MAMMARELLA, PICCIONI (DAL 59’ CERRONI), PISANI (DAL 46’ CAPUANA). PANCHINA: DE FAZI, D’AMICO. ALLENATORE: LIBURDI.

LUCKY JUNIOR: FORTINI, ORSOLINI, TRINCA (DAL 80’ BELLUCCI), CAMMARATA, CENCIONI (DAL 60’ TUZZI) , GATTO, FABBER (DAL 55’ TERRIBILI), ARMENI (DAL 89’ CICCHETTI), GALANTE, ANTONETTI, STEFANINI. PANCHINA: CLEMENTE. ALLENATORE: LOMBARDI

MARCATORI: 60’ STERN (R), 94’ SAMA’.

AMMONITI: PISANI, SANTINI,CARLINO – FABBER, GATTO, STEFANINI.

PAGELLONE

FORTINI 6,5 – Dall’alto delle sue 36 primavere gioca con una tranquillità e spensieratezza quasi disarmante. Quando lo vedi giocare così pensi “ma se si fosse allenato sempre in porta, che portiere sarebbe diventato adesso?”. Tralasciando i voli pindalici e fantasticherie varie e tornando a quanto visto sul crudo ed amaro campo da gioco, nel secondo tempo è stato strepitoso in quattro uscite a tu per tu con l’attaccante avversario. Con la sua Lucky tutta prodigata in avanti, in cerca del pareggio, è proprio lui il libero aggiunto a sbrogliare i velocissimi contropiedi avversari. Peccato per il gol del 2-0, preceduto da un altro miracolo su tiro ravvicinato. IL PROFETA

ORSOLINI 7 – Forse il migliore in campo dei suoi, considerati tutti i novanta minuti. Gioca, infatti, una partita straordinaria, mantenendo una concentrazione altissima. E lo fa contro avversari tosti, veloci, spigolosi ed anche bravi tecnicamente. Dalla sua parte cercano di sfondare ma trovano un carrarmato che sopporta gli urti e che sa anche ripartire. Quando gioca così è davvero un piacere vederlo giocare (parola di terzino!). FURY

TRINCA 5 – A volte nella vita dicono basti un episodio per rovinarti la reputazione. Basta una semplice “cazzata” per far cadere il castello che ti sei costruito con fatica. Quasi tutti, infatti, ti assoceranno sempre a quell’evento e non a tutto quello di buono che hai fatto prima. Certo il calcio non è proprio come la vita (anche se ci si avvicina molto) ma la sua prestazione è purtroppo macchiata dall’ingenuo fallo in area di rigore che ha spostato definitivamente le sorti della partita. Una prestazione fino a quel momento gajarda, tosta, cattiva ed attenta. Un errore del genere non te lo aspetti da uno come lui, un errore fatale. MACCHIA DI CAFFE’

DAL 80’ BELLUCCI S.V. – Entra nel confuso finale di partita da esterno alto di un 4-2-4 stile Ventura. Troppo poco tempo per rendersi effettivamente utile in avanti anche se la mentalità da terzino lo tende sempre a far giocare troppo basso. TERZINO INSIDE

CAMMARATA 6,5 – Difensore, centrocampista, incursore, il rendimento non cambia. Lucido e concreto per quasi tutta la partita va anche vicino al gol con un gran colpo di testa ben parato dal bravo portiere avversario. Oltre al lavoro sporco sta anche trovando, con la condizione, i tempi di inserimento giusti in avanti. Probabilmente, se continua così, lo troveremo presto nel tabellino dei marcatori. CUNEO

CENCIONI 6,5 – Se non fosse uscito al 60’ minuto sarebbe stato sicuramente il migliore in campo. Partita di grandissimo sacrificio la sua. Prende tante botte ma si rialza sempre ed anche quando era stremato e dolorante ha saputo trovare le forze per piazzare l’ennesima progressione della partita. Questo è giocare di cuore, continuare anche quando la testa ti dice che non ce la fai più. Questo è lo spirito giusto, questo è lo spirito vincente. GLADIATORE

DAL 60’ TUZZI 5,5 – Non riesce ad entrare in partita, una mezz’ora scialba e senza spunti. ANONIMO

GATTO 6 – La mette sul piano della battaglia e non le risparmia a nessuno. Lo spirito combattivo è quello giusto ma le gambe ancora non macinano come ai bei tempi. Quando il serbatoio sarà finalmente pieno ritroveremo il vero Gatto. GRAFFIANTE

FABBER 6 – Quando gioca con la testa sulle spalle, quando riesce a controllare la sua irrefrenabile irruenza, è un giocatore straordinario per la categoria. L’ingiusta ammonizione dopo appena 10 minuti gli fa giocare una partita accorta, di sacrificio e tatticamente più attenta rispetto al solito. La condizione è precaria e viene sostituito all’inizio del secondo tempo. CAVALLO SELVAGGIO

DAL 55’ TERRIBILI 6 – I bookmakers non quotavano neanche più l’ammonizione ed invece eccola la che ti spiazza con una prestazione diligente ed ordinata. Certo gli strilli da mercato rionale fanno parte del suo essere Lucio ma in campo è stato preciso, riuscendo a contrastare l’attaccante avversario. Come Fabber, quando gioca con il cervello sempre accesso, sarebbe un giocatore importantissimo per la squadra. PERICOLO PUBICO

ARMENI 6 – Un po’ come il compagno Gatto è impegnato in una lotta di trincea senza esclusioni di colpi. Il gioco passa quasi tutto sugli esterni da entrambi le parti ma è nel mezzo che infuria la battaglia. Quando esce dalla mischia (sempre di fioretto) riesce a calibrare ottimi diagonali che però i compagni, specialmente nel primo tempo, non sfruttano a dovere. GRANATIERE

DAL 89’ CICCHETTI S.V. – Giusto il tempo per giustificare la doccia a fine partita. SCROCCONE

GALANTE 5 – Come per Trinca gli episodi fanno la differenza sul giudizio finale. Dopo un primo tempo timido riesce poi ad illuminarsi, trovando gli spazi giusti per inserirsi e saltando l’uomo con più facilità. Arriva per ben tre volte davanti al portiere non riuscendo, però, mai a centrare il bersaglio. Una volta ci si mette pure la traversa ma una maggiore freddezza sotto porta avrebbe scritto sicuramente una storia diversa su questa partita. Conoscendo il ragazzo si rifarà sicuramente la prossima partita, l’importante è che il gol non diventi mai un ossessione. MASTRO, SEGNA CHE PASSO DOPO!

ANTONETTI 6 – Non fa rimpiangere il capitano Di Tommaso (infortunio) e, nonostante non sia un fulmine di guerra, sa muoversi egregiamente lungo tutta la linea d’attacco. Svolge un grande lavoro di raccordo e di sponda con i compagni nonostante sia braccato dai due possenti difensori centrali avversari. Solo un miracolo del portiere avversario gli nega la gioia del gol, levandogli dall’angolino un bel tiro, di esterno destro, calciato dal limite dell’area di rigore. DI NECESSITA’ VIRTU’

STEFANINI 6 – Prestazione intraprendente e decisa in fase offensiva insieme al martello Cencioni, cosa che però sbilancia troppo spesso la squadra dal loro lato. Un moto continuo sulla fascia sinistra. Portato a terzino si impigrisce un pochino e si becca pure un’evitabile giallo. STANTUFFO

NON ENTRATO: CLEMENTE

LOMBARDI 6 – E’ un momento difficile per la sua squadra che nonostante giochi a viso aperto, ribatta colpo su colpo, non riesce a fare risultato. Questa partita è un po’ lo specchio di questo inizio di stagione, con una Lucky quasi sempre in partita ma che viene sempre punita dai singoli episodi. La ricetta può essere solo una: lavoro, lavoro e lavoro.

FUORI DAL CAMPO 8 – Buona cornice di pubblico dove la presenza dei nostri sostenitori si è fatta sentire e come. Su tutti un incessante Caravello ha incitato i suoi pupilli per tutta la partita con i pungenti Croce e Monderna a dare man forte. Presenti fra gli altri i tifosi doc Bellucci, Stefanini, Orsolini. Un benvenuto anche a Cicchetti Senior che purtroppo ha potuto vedere per poco tempo suo figlio. KEEP CALM AND SUPPORT LUCKY JUNIOR

Rispondi